Pagina iniziale

Chi siamo

Links

Contattaci

Sprain e Strain

Un legamento o un tendine debole o lasso possono sollecitare in maniera eccessiva anche le fibre nervose che passano attraverso di esso. Questo mal funzionamento nei recettori del dolore può durare fintanto che il tendine o il legamento rimangono lassi. Esperti patologi hanno enfatizzato, per circa due decadi, che i cambiamenti negli strain e sprain cronici sono di natura degenerativa (-osi) non infiammatoria (-ite).

Nella guarigione incompleta le fibre di collagene si alterano strutturalmente, e i vasi sanguigni sono insufficientemente formati. Questi cambiamenti portano a poca abilità di riparazione. Questa condizione è più propriamente chiamata tendinosi ed è la ragione più probabile di traumi sportivi non guariti completamente e diventati cronici. In altre parole, il processo di guarigione normale non è andato a buon fine, magari è anche inficiato dall’uso di Fans o cortisone, da un’immobilizzazione prolungata etc.
Solo permettendo e stimolando la Cascata Biochimica dell’Infiammazione si potrà avere una completa remissione dal trauma.

Un danno ai legamenti può portare a dolore cronico quando i nervi sono stimolati. Questi nervi spesso continuano a causare dolore anche dopo che l’Infiammazione è finita perché rimangono attivati. Questo dolore può essere uno dei fattori che portano a usare sempre meno la parte interessata, innescando così un circolo vizioso.
 
Nelle Scuole Osteopatiche Americane viene definito Strain o “stiramento” un tendine traumatizzato o stirato, mentre uno Sprain è un legamento traumatizzato o stirato.
La stragrande maggioranza del dolore alla bassa schiena, ad es., è localizzato nella zona lombare, quella più soggetta a traumi di tutta la colonna vertebrale. La causa più comune delle lombalgie croniche non risolte è un trauma o sprain al legamento sacro-iliaco e ileo-lombare

Sprain e Strain cronici risultano in debolezza o lassità delle strutture che permanentemente stimolano le fibre del dolore e causano dolore miofasciale e disfunzione segmentale (discopatia). Questa patologia predispone un paziente ad artrite ed a degenerazioni discali fino ad ernie. Approcci di gestione del dolore che non correggono lo sprain e lo strain di origine avranno pochi benefici.

Quanto detto è supportato dagli scarsi risultati usando infiltrazioni con steroidi nel trattare sprain e strain cronici, e ci suggerisce che il dolore non proviene dall’infiammazione, ma piuttosto dai recettori nervosi del dolore stimolati dai tessuti deboli o lassi. Tendini e legamenti traumatizzati possono inoltre causare dolore e intorpidimento in altri distretti; spesso ciò viene  erroneamente interpretato come un disordine dei nervi spinali (radiculopatia).

I legamenti sono responsabili per reggere i dischi e le strutture vertebrali nelle loro posizioni. Quando i legamenti nella colonna vertebrale sono stirati o lassi, questo può causare una disfunzione segmentale. Questo spiegherebbe perché almeno nel 50% dei casi i trattamenti manipolativi non sono risolutivi in quanto le vertebre non riescono, una volta manipolate, a mantenere la posizione corretta. 

Gli Osteofiti sono una reazione del corpo per compensare una struttura lassa. Ciò può essere facilmente evinto dal fatto che gli osteofiti crescono nella direzione parallela a quella delle fibre tendinee o legamentose lasse. Gli osteofiti, che si osservano frequentemente sulle superfici articolari, sono una escrescenza di tessuto osseo sulla superficie dell’osso, in genere a forma di becco (detto becco osteofitico).

FIBROBLASTI

I Fibroblasti sono le cellule tipiche e più numerose del tessuto connettivo, in grado di produrre le componenti della matrice extracellulare. Hanno un citoplasma vacuolizzato che circonda un nucleo ellittico e colorato con uno o due nucleoli.

I fibroblasti attivi si riconoscono dall'abbondante reticolo endoplasmatico. I fibroblasti inattivi, chiamati anche fibrociti, sono più piccoli ed allungati, inoltre hanno un reticolo endoplasmatico ridotto.

I fibroblasti producono collagene, glicosaminoglicano, fibre elastiche e reticolari e le glicoproteine che si trovano nella materia extracellulare. Durante la crescita i fibroblasti si dividono e sintetizzano le sostanze di base. Un danno ai tessuti stimola i fibroblasti e ne induce la mitosi.

I fibroblasti possono dare origine ad altre cellule: cellule ossee, adipociti, cellule muscolari, tutte di origine mesodermica. Si trovano anche nel tessuto cicatriziale, possiedono una modesta capacità migrante e possono intervenire nell'Infiammazione.

Fibroblasti Fattore di Crescita, o FGFs, sono una famiglia di fattori di crescita coinvolti in angiogenesi, guarigione delle ferite e sviluppo embriologico. I FGFs giocano un ruolo chiave nel processo di proliferazione e differenziazione cellulare.

SINDROME DEL DOLORE MIOFASCIALE

La Sindrome Dolorosa Miofasciale è uno dei disordini più frequenti che viene riferito nelle cliniche del dolore cronico.

Essa avviene quando il danno o trauma nel tessuto molle connettivo non guarisce adeguatamente. Nella zona dove è avvenuto il danno si sviluppano quelli che si chiamano Trigger Point.

I Trigger Point sono fasci di fibre muscolari molto irritabili, legamenti o tessuto molle tendineo che producono dolore locale o riferito. I Tender Point sono simili, ma non sviluppano dolore. Trigger e Tender Point sono stati associati con tutti i tipi di traumi ai tessuti molli, che portano a soffrire di diversi sintomi muscolo-scheletrici come: mal di testa, dolore al collo, mal di schiena, gonalgia etc.

I pazienti con Trigger Point attivi lamentano dolore che può essere sia acuto che sordo, spasmi o debolezza muscolari, fatica generalizzata o malessere.
Questa sindrome spesso è dovuta a strain o sprain cronici di legamenti e tendini che sviluppano sindromi dolorose locali o riferite.

 

Giovanni Turchetti

Articoli

» Alcune Manipolazioni Osteopatiche
» Anatomia e Fisiologia del Trauma, il Dolore e la sua Soluzione
» Prevenzione
» RIT: la Soluzione
» Sprain e Strain
» VIRTU’ E LIMITI DELL’OSTEOPATIA

Ricerca veloce:

Dott. Giovanni Turchetti DO ND
Membro della British Osteopathic Association (BOA)
Membro del Australian Osteopathic Association (AOA)
Membro del Deutscher Verband für Osteopathische Medizin (DVOM)
V.le Nervi 04100 LATINA - Tel. 347/3270604 339/6641830 - Email: info@osteopata.it

c/o studio "Lodispoto" - Via Eleonora Duse 22 00197 Roma Tel. 06/8074686 06/80690390
c/o "Simoncelli" - Piazza Santa Restituta 21 Sora FR Tel.0776/832100


AVVISO AI NAVIGANTI

Si invitato i gentili visitatori a diffidare da alcuni commenti ancor presenti su internet che ledono la dignità, il decoro professionale ed il prestigio del dott. Giovanni Turchetti e del suo staff. Verso il responsabile di tali ingiurie e diffamazioni si sono intraprese le più adeguate iniziative legali in Italia e all'estero. Teniamo altresì a precisare che l'autore di tali azioni non è, ne è mai stato un paziente del dott. Turchetti.
Per avere maggiori informazioni in merito alla vicenda è possibile scrivere a info@osteopata.it. Saremo ben lieti di poter dissipare nel visitatore tutti i dubbi eventualmente sorti navigando su siti poco "affidabili".


Copyright© 2006-2009. Tutti i diritti riservati. Informativa legale
Sito web progettato e realizzato da CreazioneSiti.it